Attività fisica nei mesi più caldi: che fare?


Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per attività fisica si intende “qualunque sforzo esercitato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un consumo di energia superiore a quello in condizioni di riposo”.

In questa definizione rientrano quindi non solo le attività sportive, ma anche semplici movimenti quotidiani come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici.

Praticare esercizio fisico in modo regolare e moderato aiuta a perdere e a mantenere il peso, a controllare i livelli di pressione arteriosa ed a prevenire e controllare il diabete.

Attività fisica all’aria aperta

Con l’arrivo dell’estate diventa indispensabile però mettere in atto degli accorgimenti per praticare attività fisica in modo corretto e senza rischi.

Per prima cosa, se si decide di praticare un’attività fisica all’aperto (jogging, bicicletta, ecc), evitare di esporsi nelle ore più calde della giornata preferendo la mattina presto oppure la sera, prediligendo zone ombreggiate.

Reintegrare sempre

A causa delle alte temperature si tende a sudare di più, perdendo non solo acqua, ma anche moltissime vitamine e sali minerali che devono essere reintegrati attraverso l’assunzione di almeno 2 litri di acqua al giorno ed una corretta alimentazione ricca di frutta e verdura.

Indossare abbigliamento adatto

Diventa indispensabile anche indossare l’abbigliamento corretto con capi adatti all’attività fisica realizzati in tessuto tecnico traspirante, preferendo i colori chiari in quanto riflettono i raggi solari.

Il corpo ha bisogno di adattarsi

Infine, bisogna tenere in considerazione che l’organismo ha bisogno di alcuni giorni di tempo per adattarsi ai cambiamenti ambientali, perciò nei primi giorni di caldo molto intenso si possono creare stati di stanchezza, affaticamento e difficoltà negli allenamenti.

Per questo motivo, durante i primi caldi una riduzione dell’intensità o della durata dell’attività fisica potrebbe essere necessaria.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *