CHIRURGIA BARIATRICA: UN PERCORSO DI CAMBIAMENTI


Quando un paziente si sottopone ad un intervento di chirurgia bariatrica (o chirurgia dell’obesità) deve avere ben presente che gli sarà richiesto di modificare alcune abitudini comportamentali ed alimentari. Questo è fondamentale per gestire al meglio il periodo post-operatorio e acquisire la consapevolezza della necessità di adottare uno stile di vita sano.

La chirurgia bariatrica non è miracolosa

L’intervento di chirurgia bariatrica è una delle componenti che possono condurre alla guarigione dall’obesità, ma non è la soluzione: l’impegno del paziente e il rispetto delle indicazioni dietetiche sono un parte integrante del percorso di guarigione.

I 5 momenti della giornata alimentare

Un’abitudine che il paziente deve acquisire è strutturare la giornata alimentare in cinque momenti (colazione, pranzo, cena, merenda a metà mattina e a metà pomeriggio), dedicando ad ogni pasto il giusto tempo, ovvero circa 30-40 minuti. Per fare questo è necessario essere consapevole che una buona masticazione, che permetta di triturare ogni boccone, evitando che vengano ingeriti cibi non completamente sminuzzati, è fondamentale.

See non si acquisisce questa abitudine, problematiche gastrointestinali come crampi, nausea, vomito, renderebbero estremamente difficoltosa la gestione del periodo post-intervento. Altro cambiamento riguarda l’acqua: solo naturale e lontano dai pasti (30-45 minuti prima o dopo).

L’equipe multidisciplinare C.I.B.O., operativa presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza, monitorerà attentamente la capacità di mettere in atto i cambiamenti richiesti, consentendo al paziente di gestire al meglio il periodo successivo all’operazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *